Assicurazioni, il contrassegno cartaceo va in pensione: controlli ‘elettronici’ a partire da ottobre 2015

La costante crescita del fenomeno di falsificazione delle polizze auto ha portato all’emissione di un decreto Interministeriale che, abolendo il vecchio contrassegno cartaceo da apporre in evidenza, introdurrà ad ottobre 2015 un nuovo sistema di controlli elettronici.

Il metodo finora utilizzato per il controllo delle assicurazioni auto sta cambiando, nel tentativo di contrastare il fenomeno sempre più diffuso della falsificazione delle polizze auto. La RCA, infatti, è un’assicurazione obbligatoria a tutela delle persone danneggiate da incidenti: non possederla provoca un danno agli altri, oltre che a noi stessi, e contrastare questo fenomeno significa di fatto tutelare i cittadini.

Le assicurazioni rilasciano tuttora un contrassegno cartaceo che, posto in evidenza sul veicolo, aiuta gli agenti di Polizia - o gli altri organi atti ad effettuare i controlli stradali - a verificare la presenza di una copertura assicurativa. I nuovi controlli, invece, saranno legati alla targa del veicolo. Sarà quindi allestita una banca dati, contenente tutti i dati assicurativi legati ad ogni singola targa, consultabile dagli agenti per verificare immediatamente la situazione reale.

Inoltre saranno allestite nelle strade delle speciali telecamere in grado di leggere le targhe ed interfacciarsi direttamente con la banca dati, estendendo la portata del controllo che inizialmente sarà avviato a campione. Tale sistema è in via di sviluppo e, secondo quanto riportato dal Decreto Interministeriale n.110 del 9 agosto 2013 (GU n. 232 del 3.10.2013), entrerà in vigore a partire dal 18 ottobre 2015.

I proprietari dei veicoli privi di copertura assicurativa saranno quindi soggetti ad una pesante sanzione, compresa tra gli 848€ ed i 3393€ e comprendente anche il fermo del veicolo.

Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni